Direttive europee per la Pivacy Online

Questo sito WEB usa cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzionalità, anche di terze parti. Usufruendo del sito, acconsentite che questo tipo di informazioni vengano raccolte e memorizzate sul vostro dispositivo.

Leggi i riferimenti normativi europei sulla privacy online

Avete rifiutato l'utilizzo dei cookies. La vostra scelta può essere modificata in ogni momento.

Avete acconsentito all'utilizzo di cookies. Potete comunque modificare questa impostazione in ogni momento.

Sabato, 19 Ottobre 2013 00:41

Un'iniziativa del tutto nuova

L’editore, Pierre Bolduc, crede che troppi dischi usati dai critici per fare l’ascolto di componenti hardware siano del tutto inutili: incisioni compressi, sbilanciati, colorati o scolorati, ecc. In altre parole, registrazioni non idonee alla recensione, che, al contrario, dovrebbero essere dinamici, estesi, bilanciati e dettagliati.

Avevamo già annunciato una novità importante riguardo questo problema: e cioè, rendere disponibile ai nostri lettori i brani  musicali impiegati dai critici per la redazione delle loro recensioni. Purtroppo, un conflitto fra i sindacati americani che rappresentano i musicisti, e le case discografiche, sui diritti da pagare riguardo CD in omaggio ha reso impossibile l’inserimento dei brani delle case americane come la Telarc e la Reference Recordings. Sembra che la situazione si sta sbloccando e entro la fine dell’anno vi offriremo tutti gli estratti musicali scelti dai critici (sempre in download gratuito). Sarà una prima mondiale!

Letto 3437 volte

Accesso Utente

Utilizzando questo sito si accettano integralmente le norme e le condizioni d'uso in vigore