Direttive europee per la Pivacy Online

Questo sito WEB usa cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzionalità, anche di terze parti. Usufruendo del sito, acconsentite che questo tipo di informazioni vengano raccolte e memorizzate sul vostro dispositivo.

Leggi i riferimenti normativi europei sulla privacy online

Avete rifiutato l'utilizzo dei cookies. La vostra scelta può essere modificata in ogni momento.

Avete acconsentito all'utilizzo di cookies. Potete comunque modificare questa impostazione in ogni momento.

Venerdì, 21 Dicembre 2007 11:41

Art Pepper : Intensity

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Art Pepper : Intensity

2 LP 180g 45 giri Contemporary/Analog Productions S7607

Prod: Lester Koenig; Eng: Roy Du Nann; Mix: Roy Du Nann; Master: Kevin Gray e Steve Hoffman (AcousTech)


Giudizio artistico: 10

Giudizio tecnico: 10

Questo pezzo è facile. Art Pepper in un periodo produttivo della sua carriera, musicale ed in generale, registrato con vivida chiarezza ai Contemporary Studios e consegnato all’ascoltatore su un doppio LP a 45 giri.

Vi convincerete che Pepper si trova tra i vostri diffusori a suonare un piccolo sax alto che trasuda la delicatezza di Paul Desmond e la forza muscolare di John Coltrane.

Egli è accompagnato in un set di standard da tre session men di esperienza ma poco noti che producono sia economia che chiarezza: Dolo Coker al pianoforte, Jimmy Bond al basso e Frank Butler alla batteria. Pepper è la star e loro lo supportano appropriatamente e con efficacia.

Pepper è a tratti pieno di anima ed esuberante. Rimane aderente alla melodia per alcune battute e poi fugge in piena libertà nelle battute successive. Quando torna alla linea originale, non si ha mai idea di ciò che sta per arrivare, ma è sempre qualcosa di eccitante.

La registrazione mette batteria e basso nel canale destro, il pianoforte nel sinistro e Pepper nel centro spaccato. E’ a compartimenti e non suona secondo i principi della moderna stereofonia, ma il suono del pianoforte ripreso da Roy DuNann è molto superiore alle riprese inscatolate di RVG ed esibisce una struttura armonica credibile, chiarezza nei transitori e gradazioni dinamiche. Anche la batteria è gradevolmente ripresa, con chiarezza e velocità che attraversano l’aria e lo spazio. E’ molto in primo piano.

La star, comunque, è Pepper, ed il suo arioso, vibrante strumento galleggia tra i diffusori in modo olografico. L’HDTV non riesce a raggiungere questo livello di tridimensionalità e complessità tessiturale.

Sono convinto che tutti questi doppi LP a 45 giri accresceranno il loro valore nel tempo. Molti sono già dei piccoli tesori. Così, versatevi un Martini Dry con uno spruzzo di scotch e godetevi questo Pepper (il vinile è silenzioso fino al solco di uscita, in cui è presente del rumore. Non è un grosso problema).

Michael Fremer

Letto 9184 volte Ultima modifica il Venerdì, 21 Dicembre 2007 11:41

Editore

Accesso Utente

Utilizzando questo sito si accettano integralmente le norme e le condizioni d'uso in vigore