Direttive europee per la Pivacy Online

Questo sito WEB usa cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzionalità, anche di terze parti. Usufruendo del sito, acconsentite che questo tipo di informazioni vengano raccolte e memorizzate sul vostro dispositivo.

Leggi i riferimenti normativi europei sulla privacy online

Avete rifiutato l'utilizzo dei cookies. La vostra scelta può essere modificata in ogni momento.

Avete acconsentito all'utilizzo di cookies. Potete comunque modificare questa impostazione in ogni momento.

Mercoledì, 26 Ottobre 2011 11:56

Louis Armstrong and His All-Stars

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Louis Armstrong and His All-Stars

Fats Waller era morto da dodici anni quando Louis Armstrong ed i suoi All-Stars registrarono questo album commemorativo nel 1955. Purtroppo, il famoso abbuffane morì a 39 anni per un attacco cardiaco. Non fatevi fuorviare dalla data della registrazione: il suono è tutt'altro che confuso. E' mono, si, ma molto presente, immediato e per la maggior parte assolutamente trasparente! Questo è un concept record per un produttore. Il produttore George Avakian si impegna con annotazioni didattiche che comprendono una dettagliata biografia di Waller e retroscena di ciascun brano. Waller e Armstrong condividevano una predisposizione alla musica giocosa e di buona natura. Entrambi erano intrattenitori consumati e di gran cuore e allo stesso tempo musicisti seri e completi, il che rende l'accoppiata perfetta anche se Armstrong divise il palcoscenico con Waller una sola volta. Come Armstrong, Waller si trovava ugualmente a proprio agio nel mondo del jazz ed in quello del pop ed ha scritto alcune delle più longeve e gradevoli canzoni pop, tra cui Honeysuckle Rose e, naturalmente, Ain't Misbehavin'. All That Meat and No Potatoes sicuramente amplierà la vostra prospettiva (oltre a ricordarvi You Know My Name, [Look Up the Number]). Non c'è alcun brano meno che gradevole in questo album relativamente breve che spazia senza difficoltà tra brani tradizionali jazz strumentali e scambi canori vaudeville/ Broadway tra Armstrong e Velma Middleton. Potete considerare questa ristampa come una lezione 'all inclusive' su Armstrong e Waller resa possibile da un curriculum assolutamente gradevole che comprende grande musica registrata e note di copertina informative, oppure anche come un portale di ingresso per un'esplorazione di queste due durevoli presenze musicali. Potete aggiungere dozzine di dischi di questi due grandi alla vostra collezione. In ogni caso, non sbaglierete nel comprare questo disco masterizzato da Gray/Hoffman, dal suono naturale ed in grado di influenzare il vostro umore. Vi garantisco che vi farà sorridere. Michael Fremer/.

Letto 11426 volte Ultima modifica il Mercoledì, 26 Ottobre 2011 11:56

Editore

Accesso Utente

Utilizzando questo sito si accettano integralmente le norme e le condizioni d'uso in vigore