Notice: unserialize(): Error at offset 404555 of 409567 bytes in /home/audio/domains/audiofilemusic.com/public_html/libraries/src/Cache/CacheController.php on line 182 Stevie Wonder: Innervisions - AudioFileMusic | AudioFileMusic

Direttive europee per la Pivacy Online

Questo sito WEB usa cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzionalità, anche di terze parti. Usufruendo del sito, acconsentite che questo tipo di informazioni vengano raccolte e memorizzate sul vostro dispositivo.

Leggi i riferimenti normativi europei sulla privacy online

Avete rifiutato l'utilizzo dei cookies. La vostra scelta può essere modificata in ogni momento.

Avete acconsentito all'utilizzo di cookies. Potete comunque modificare questa impostazione in ogni momento.

Lunedì, 15 Dicembre 2008 10:24

Stevie Wonder: Innervisions

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

STEVIE WONDER.

INNERVISIONS. LP 200G

TAMLA/UMG UIJY-9021

Prod: Stevie Wonder. Eng:

Dan Barbiero, Austin Godsey. Mastering:

Kazumi Tezuka.

giudizio artistico: ECCEZIONALE

giudizio tecnico: ECCEZIONALE


Sono costosi (40 Dollari), sono spessi

200 grammi, i titoli sono proprio quelli

che voi desiderate, la qualità della stampa e

della confezione è assolutamente spettacolare.

La grande domanda senza risposta è: come

suonano?

Il primo che ho ricevuto ed immediatamente

ascoltato è stato questo classico di Stevie

Wonder, probabilmente il suo più grande disco,

anche se qualcuno obietterà che il migliore

è Talking Book.

Con Too High, Visions, Living for the City e

Golden Lady, è facile fare il tifo per Innervisions.

La sequenza sulla seconda facciata, che

comprende Higher Ground, Jesus Children of

America (la conoscete anche se non vi ricordate

il titolo), la splendida ballata All In Love

Is Fair, Don't You Worry 'Bout A Thing e He's

Misstra Know-It-All è ugualmente stellare, e

con l'aggiunta del Moog e della programmazione

Arp di Margouleff e Cecil, più grandi

arrangiamenti e probabilmente il miglior

suono che Wonder abbia mai avuto in

supporto alla sua musica, questo album è

senz'altro un classico degno di una costosissima

ristampa di prima classe.

L'ho confrontato con due stampe originali

americane ed un ristampa giapponese Victor

del 1977 (VIP 6004). Ed ecco un fatto curioso:

il retro della copertina indica che Gorge

Marino ha masterizzato l'LP presso la Cutting

Room di New York. Ma, nonostante anni di

ricerche, ogni copia precoce che io abbia

mai visto risulta masterizzata presso Kendun

a Los Angeles. Vai a capire…

I Kendun originali suonano bene. Questa

è sempre stata una stampa dal buon suono

ed anche la qualità del vinile è abbastanza

soddisfacente.

In retrospettiva, la stampa Victor giapponese

ha una gamma bassa confusa, eccessivamente

equalizzata ed un suono generalmente

morbido. Non è buona come l'originale.

Questa nuova ristampa affascinerà la

maggior parte dei fan di questo album con

la sua stampa perfetta, gli sfondi ultra silenziosi

e l'incredibile dettaglio, specialmente in

gamma alta. I piatti sembreranno a portata

di mano, le percussioni si scuotono con

rinnovato dettaglio. E' come essere nello

studio e sedere alla consolle di mixaggio.

Comunque, il prezzo pagato per tutto

questo dettaglio è un po' di super brillantezza

che accentua le sibilanti leggermente ruvide

che si possono sentire già nell'originale, ma

che sono mascherate dall'equalizzazione

addomesticata.

Ho ascoltato questo album con varie

testine, tra cui la Air Tight PC-1 dal suono

lussuoso, ed anche con questa testina il

suono era un pelo sparato in gamma alta e

le sibilanti talvolta aggressive.

Le scelte nell'equalizzazione sono state

prese con cura, per cui non sentirete alcuna

brillantezza generale (a meno che il vostro

impianto non vi sia di per suo già prono),

appena un po' nella gamma di frequenze dei

piatti e delle percussioni acute. E' presente

anche nella banda delle sibilanti, per cui

quando Stenie pronuncia parole che contengono

'S' o 'T', ve ne accorgerete!

Ma il rullante ed i piatti sono incredibili e

dimenticherete le sibilanti per godervi ciò

che di buono le percussioni offrono.

Naturalmente, tutto ciò dipende dall'impianto.

Potete avere la certezza che se la vostra

testina è troppo alta o, peggio, mal regolata,

sentirete più che un cenno di brillantezza e

se il vostro impianto è brillante e duro, lo

sentirete raspare. Non è un problema del disco.

La dinamica e la trasparenza sono quelle

che vi aspettereste pagando un LP 40 Dollari.

Se vi piace questo sofisticato album, lo ascolterete

come mai vi era capitato prima e

sarete felici di averlo acquistato.

Io l'ho pagato e ne sono felice. Questo è

l'Innervisions definitivo.

Dovete sapere che il costo del disco sostenuto

dal vostro negoziante, come mi hanno

confermato molti di essi, è tale che il loro

margine di 'profitto è ridicolo. Infatti, se

considerate i costi nascosti, la maggior parte

dei rivenditori va in pareggio, il che significa

che loro acquistano e rivendono queste

ristampe per una sorta di 'pubblico servizio'.

Michael Fremer

Letto 13508 volte Ultima modifica il Lunedì, 15 Dicembre 2008 10:24

Editore

Accesso Utente

Utilizzando questo sito si accettano integralmente le norme e le condizioni d'uso in vigore