fbpx
Stampa questa pagina

OFFERTA QOBUZ In evidenza

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
clicca per l'offerta clicca per l'offerta

 

 

 

 

clicca per l'offerta

https://try.qobuz.com/audiophile-sound/

‘TO STREAM OR NOT TO STREAM?’.

Leggete un estratto dell’articolo di Riccardo Mozzi pubblicato su Audiophile sound n.176

[…] È stato l'Editore, Pierre Bolduc, a convincermi di affiancare lo streaming alle sorgenti musicali in mio possesso, e la cosa si è rivelata più facile del previsto: mentre con la musica liquida ho dovuto fare copie private su CD-r da posizionare nell'impianto dello studio, oltre a quelli presenti in saletta, con Qobuz è bastato iscriversi, scegliere il ‘piano tariffario’ più consono e accedere dai vari player presenti in casa e nello studio….clicca per l'offerta

RICCARDO MOZZI pone la domanda:

‘TO STREAM OR NOT TO STREAM?’.

Leggete un estratto dell’articolo di Riccardo Mozzi pubblicato su Audiophile sound n.176

[…] È stato l'Editore, Pierre Bolduc, a convincermi di affiancare lo streaming alle sorgenti musicali in mio possesso, e la cosa si è rivelata più facile del previsto: mentre con la musica liquida ho dovuto fare copie private su CD-r da posizionare nell'impianto dello studio, oltre a quelli presenti in saletta, con Qobuz è bastato iscriversi, scegliere il ‘piano tariffario’ più consono e accedere dai vari player presenti in casa e nello studio….

[…] Oramai sono alcune settimane che navigo su Qobuz andando a curiosare la disponibilità di album oramai perduti di artisti magari poco conosciuti. Beh, su Qobuz non c'è tutto, ma di sicuro sarà difficile rimanere insoddisfatti della disponibilità di titoli. Ho cercato un vecchio album di Oscar Pettiford (un'eredità in vinile del mi' babbo) e l’ho trovato; ho cercato gli Squirrel Nut Zippers (una band molto poco conosciuta) e l'ho trovata, seppur non con la discografia completa; se poi cerchiamo Bill Evans o Chet Baker allora si rimane davvero in imbarazzo dalla quantità di titoli presenti.

È tuttavia da precisare che ci sono numerosi ‘doppioni’, in questo senso: ci sono gli stessi album in edizioni diverse oppure ci sono diverse edizioni dello stesso album, evidentemente tratte da edizioni cronologicamente differenti; e a volte l'ascolto a confronto tra le varie edizioni permette di apprezzare quelle più o meno riuscite…

[…] Proseguendo e indagando ulteriormente con altri artisti si giunge a risultati sconcertanti*: Chet Baker 1,600 titoli, Miles Davis 2,300, e così via fino ad arrivare a W.A.Mozart: 6,900 risultati... Riccardo Mozzi

*Attenzione, si tratta di risultati di 2 anni fa…

Leggete l’ARTICOLO COMPLETO di Riccardo sul numero 176 di Audiophile sound.

Letto 153 volte