Direttive europee per la Pivacy Online

Questo sito WEB usa cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzionalità, anche di terze parti. Usufruendo del sito, acconsentite che questo tipo di informazioni vengano raccolte e memorizzate sul vostro dispositivo.

Leggi i riferimenti normativi europei sulla privacy online

Avete rifiutato l'utilizzo dei cookies. La vostra scelta può essere modificata in ogni momento.

Avete acconsentito all'utilizzo di cookies. Potete comunque modificare questa impostazione in ogni momento.

Mercoledì, 18 Novembre 2015 18:16

Un nuovo linguaggio jazz

L'etichetta Dodicilune ha pubblicato "Vacancy in the park" del progetto Axis Quartet guidato dal vibrafonista e compositore Sergio Armaroli, affiancato da Caudio Guida (sax), Marcello Testa (contrabbasso) e Nicola Stranieri (batteria)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il progetto si inserisce all’interno di una dimensione post-ideologica del linguaggio del jazz praticando una libertà di stili, modelli e strutture sia attraverso l’improvvisazione che attraverso la scrittura e sviluppando tecniche ed un pensiero compositivo che, attingendo dalla lingua viva della cultura afro-americana e della musica “colta” occidentale, si esprime in una pratica caratterizzata da nomadismo e da un distacco, a volte ironico, lucidamente disilluso. Il concetto di Asse (Axis) è il fondamento di tutto il lavoro di ricerca del gruppo inteso come ricerca costante di un punto di equilibrio in questo caso esteso al linguaggio del jazz nel suo processo di sedimentazione storica, attraverso un atto di sintesi e trasformazione motivica caratterizzata da una scrittura estesa ed all’interno di una forma chiusa e quasi idiomatica come un ideale percorso di dissoluzione del materiale unito ad una “consapevolezza allargata” al limite della riconoscibilità stilistica.
Il jazz è inteso e praticato dal Sergio Armaroli Axis Quartet come “arte imperfetta”. L’imperfezione è il risultato di uno iato rispetto al codice scrittorio dove il segno non corrisponde al suono se non come memoria. La silenziosa presenza della scrittura, intesa come “parte” o meglio “s-partito”, accompagna lo sforzo di costruzione ed il “com-ponere” è inteso come un mettere insieme pezzi di linguaggio e di storia: corpi. Il suono ascoltato, nel processo di decodificazione, è residuo di memoria, di abitudini, di stili e di attese. Il jazz, oggi, come linguaggio è questo vuoto, come un sogno fatto a pezzi: frammenti. La libertà è “pratica di raccolta” e di costruzione di mosaici dove le tessere, i frammenti, possono essere ricondotte a figura, a motivo, e a disegno.


Notizie fornite da Dodicilune


www.dodiciluneshop.it

 

 

 

 

 

Letto 1009 volte
Sound and Music Novità Aprile 2016

Le novità di Aprile da Sound & Music

Sound and Music Novità Febbraio 2016

Le novità di Febbraio da Sound & Music

Audiophile Sound a casa tua

Abbonamento: Rivista+CD a casa tua

OFFERTA: Solo 81 Euro (con CD) per 12 numeri invece di 10

Risparmi 27 Euro su acquisto in edicola!!!

CLICCA QUI

Audiophile Sound Digital Edition

Compra l’ EDIZIONE DIGITALE

Solo 3,90 euro (5,90 con il CD)

Risparmia più di 3 Euro per numero!!!

CLICCA QUI

Audiophile Sound Abbonamenti

EDIZIONE DIGITALE

Solo 24 euro (39 euro con il CD)

OFFERTA: per 12 numeri invece di 10

Risparmia fino a 66 Euro sul'acquisto in edicola!!!

CLICCA QUI

 

Accesso Utente

Utilizzando questo sito si accettano integralmente le norme e le condizioni d'uso in vigore