Direttive europee per la Pivacy Online

Questo sito WEB usa cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzionalità, anche di terze parti. Usufruendo del sito, acconsentite che questo tipo di informazioni vengano raccolte e memorizzate sul vostro dispositivo.

Leggi i riferimenti normativi europei sulla privacy online

Avete rifiutato l'utilizzo dei cookies. La vostra scelta può essere modificata in ogni momento.

Avete acconsentito all'utilizzo di cookies. Potete comunque modificare questa impostazione in ogni momento.

  • Audiophile sound 'digital'

      ANNUNCIO AS DIG 169 digital

    Un'edizione DIGITALE, INTERATTIVA, AMPLIATA
    con più rubriche, video clip dei critici, foto gallery,
    music link dei dischi recensiti, e molto di più!

    SOLO 3,90 per rivista + CD / SOLO 3 euro SENZA CD
    CLICK per l'acquisto        CLICK per l'acquisto ANTEPRIMA

     AUDIOFILESHOP

  • Audiophile Vinili & Nastri

     ANNUNCIO REEL REEL

    The Vinyl Collection - 19 TITOLI disponibili
    Per vedere i titoli CLICK > ITALIAN  - CLICK > ENGLISH
    CLICK per l'acquisto

    The Reel-to-Reel Collection
    per informazioni CLICK > ITALIAN - CLICK > ENGLISH
    per info su vinili e nastri tel 089 72 64 43 cell 392 85 06 715

     

     

     

  • Audiophile sound 'cartacea'

     ANNUNCIO AS DIG 169 carta

    L'edizione in carta con CD fisico allegato
    Per l'anteprima CLICK Per l'acquisto CLICK
    Oppure acquistatela in edicola nazionale

     

     

     

    AUDIOFILESHOP

  • 1
Giovedì, 19 Febbraio 2009 11:28

Rickie Lee Jones: It’s Like This

Vota questo articolo
(0 Voti)

RICKIE LEE JONES. IT'S LIKE THIS.

2 LP 180g 45 giri SheridanSquare/Analogue Productions APP 51056

Prod: Rickie Lee Jones e Bruce Brody;

Eng: James Farber, Larry Alexander,

Barry Goldberg, Rob Smith; Master:

Kevin Gray presso AcousTech

giudizio artistico: OTTIMO-ECCEZIONALE

giudizio tecnico: ECCEZIONALE


Questo amorevole gruppo di cover intimamente

arrangiate e meticolosamente

registrate, pubblicato originariamente

nel 2000, è precisamente quel genere di

album semi-oscuri che hanno bisogno di una

ristampa di qualità totalmente analogica.

Rickie Lee assurse alla fama con il suo

album omonimo di debutto del 1979 per la

Warner Brothers; da allora questa cantautrice/

cantante pop-jazz-beat-hipster ha avuto

alti e bassi ma ha mantenuto una presa ben

ferma sulla sua arte. Per cui, se non vi piaceva

il suo stile vocale miagolante e nasale nel

1979, difficilmente l'apprezzerete ora - a

meno che i vostri gusti non siano cambiati.

Io faccio parte di questo gruppo. Ho iniziato

ad apprezzare la Jones solo negli ultimi anni,

una volta superato il fastidio per la sua voce

nasale e concentratomi sulla sua interpretazione

rilassata ed allo stesso tempo impeccabile.

Credo anche che il suo stile sia più

adatto a persone più mature.

Un precedente album composto principalmente

da cover, un 10 pollici intitolato Girl

at Her Volcano (Warner Brothers 23805-

1B) è stato molto gradito dagli audiofili,

nonostante sia stato registrato e masterizzato

in digitale (usando il notoriamente inaffidabile

sistema di campionamento a 50kHz

della 3M). L'ho ascoltato in preparazione di

questa recensione e, gente, il suono è fastidioso.

Il basso è profondo e teso, ma ha

quel comportamento meccanico 'tutto o

niente' che non si traduce mai in uno strumento

reale, ha quel repellente comportamento

tintinnante quando aumenta il livello

e non c'è contesto dietro gli strumenti, anche

nelle tracce dal vivo. In altre parole, suona

proprio come Bop 'Til You Drop di Ray

Cooder, registrato sulla stessa macchina.

Questo variegato album da suono intimistico

è stato sicuramente prodotto totalmente

in analogico. La Jones interpreta Show

Biz Kids degli Steely Dan, Trouble Man di

Marvin Gaye, For No One di Lennon-McCartney,

la sempreverde Smile di Charlie Chaplin,

il successo dei Traffic a firma Winwood-

Capaldi The Low Spark of High-Heeled Boys,

On the Street Where You Live di Lerner-Lowe,

I Can't Get Started di Ira Gershwin, Up a

Lazy River di Hoagy Carmichael, Someone to

Watch Over Me di George e Ira Gershwin,

Cycles di J.G.Caldwell (scritta per Frank Sinatra)

e la potente One Hand, One Heart di Bernstein-

Sondheim tratta da West Side Story.

Il brano di apertura degli Steely Dan mi

metterà nella condizione ideale, con il triangolo

cristallino, bassi ben presenti e strettamente

tratteggiati, borghi e pianoforte, ma

specialmente con la registrazione trasparente

e dal suono naturale della voce. Se

aveste dubbi riguardo l'opportunità di investire

i vostri soldi in questo costoso doppio

LP a 45 giri, dopo poche battute del primo

brano ogni vostro dubbio verrà dissipato.

Per me, i pezzi forti dell'album sono No for

One e Low Spark of High Heeled Boys.

Il suono assolutamente naturale prodotto

da questa registrazione è proprio ciò per

cui spendiamo tanti soldi sui nostri impianti.

Regolate correttamente il volume e la signora

Jones vi trascinerà nello studio per un recital

canoro in esclusiva, accompagnata da un

gruppo di amici musicisti che suonano come

se fossero raccolti attorno a lei in sostegno,

anche se in realtà sono piazzati in camerini

separati.

Ecco la magia di una grande registrazione

ripresa in modo intimistico. Ce ne sono così

poche, nessuna prodotta di recente. Questa

è una di quelle da assaporate.

Anche se qualcuno ha espresso dubbi

riguardo la necessità di riportare questa registrazione

di circa trentotto minuti su un

doppio 45 giri, questa scelta determina sibilanti

molto più chiare (tra gli altri vantaggi)

e dato che la forza del disco è la voce della

Jones, vale la pena alzarsi ogni dice minuti per

cambiare lato. Se poi il disco valga o meno

50 Dollari, solo voi avete la risposta, ma vi

prometto che non sarete delusi dal suono,

penso solo che per cinquanta sacchi un bel

libretto con qualche informazione sarebbe stato

doveroso. Non ho idea di chi suoni nel disco,

chi abbia curato la ripresa o dove sia stato

registrato. Come quando mi aggiravo per

Los Angeles in compagnia di Chuck E.Weiss,

state sintonizzati per maggiori dettagli!

Michael Fremer/www.musicangle.com

Letto 32944 volte

Iscriviti subito per ricevere la newsletter con le ultime novità dall'editore Pierre Bolduc: basta effettuare la registrazione sul sito

Leggi tutti

Hardware

  • Un impianto audio da due milioni di dollari!

    Non avete mai visto un impianto di ascolto Hi-End da due milioni di dollari? Eccovi accontentati! Si tratta del fantasmagorico impianto dell'azienda inglese Living Voice.

    Un impianto che resterà solo un sogno per la maggior parte di noi.

Ancora Hardware

  • Un paio di diffusori da 300 mila dollari

    Questi diffusori vengono costruiti con legni pregiati come frassino, ciliegio e noce. Il suono ottenuto è pari alla qualità dei materiali!

    Oswalds Mill Audio progetta diffusori da sogno... Un sogno che costa caro. Vediamo come vengono costruiti.

Varie

Musica e dischi

Tutti i video

  • AS Speciale Top Audio AS Speciale Top Audio
  • AS Souvenir Edition Audiophile Sound Souvenir Edition Una lunga intervista con Pierre Bolduc…
Sound and Music Novità Aprile 2016

Le novità di Aprile da Sound & Music

Sound and Music Novità Febbraio 2016

Le novità di Febbraio da Sound & Music

Audiophile Sound a casa tua

Abbonamento: Rivista+CD a casa tua

OFFERTA: Solo 81 Euro (con CD) per 12 numeri invece di 10

Risparmi 27 Euro su acquisto in edicola!!!

CLICCA QUI

Audiophile Sound Digital Edition

Compra l’ EDIZIONE DIGITALE

Solo 3,90 euro (5,90 con il CD)

Risparmia più di 3 Euro per numero!!!

CLICCA QUI

Audiophile Sound Abbonamenti

EDIZIONE DIGITALE

Solo 24 euro (39 euro con il CD)

OFFERTA: per 12 numeri invece di 10

Risparmia fino a 66 Euro sul'acquisto in edicola!!!

CLICCA QUI

 

Accesso Utente

Utilizzando questo sito si accettano integralmente le norme e le condizioni d'uso in vigore