Direttive europee per la Pivacy Online

Questo sito WEB usa cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzionalità, anche di terze parti. Usufruendo del sito, acconsentite che questo tipo di informazioni vengano raccolte e memorizzate sul vostro dispositivo.

Leggi i riferimenti normativi europei sulla privacy online

Avete rifiutato l'utilizzo dei cookies. La vostra scelta può essere modificata in ogni momento.

Avete acconsentito all'utilizzo di cookies. Potete comunque modificare questa impostazione in ogni momento.

Giovedì, 08 Febbraio 2007 12:56

Claire Martin/Richard Rodney Bennet

Vota questo articolo
(0 Voti)

CLAIRE MARTIN /RICHARD RODNEY BENNET.

WHEN LIGHTS ARE LOW.

SACD Linn AKD 260.

DDD. Stereo. Registrazione da studio.

Systems Two Studio, New York, 2005.

Prod: R.Cottle; Eng: C.Malcolm.


giudizio artistico: BUONO

Claire Martin è una delle più stimate voci del panorama jazz inglese; un’artista capace di fondere buone esecuzioni e alta classe. Ciononostante, la freddezza di molte sue esecuzioni e il carattere pop di molte sue produzioni non gli hanno mai permesso di superare a testa alta i confini europei, se non addirittura inglesi. Neppure la presente collaborazione con Richard Rodney Bennet, voce e pianoforte di grande classe, sembra destinata a sovvertire questo stato di cose.

Forse Claire Martin non ha lo spessore artistico di Cassandra Wilson o Patricia Barber o, più probabilmente, non ha alle spalle un team altrettanto buono e stimolante. Le composizioni sono tutte quante di livello elevato, ma sono spesso eseguite senza troppo feeling. Se negli album precedenti si avvertiva un’impegnativa ricerca di un proprio stile espressivo, in quest’ultima uscita discografica sembra che la Martin si sia ‘adagiata’ su uno stile di maniera, piacevole e un po’ retrò, poco innovativo, in cui risalta soltanto la sua voce superba e sensuale.

Simone Bardazzi


giudizio tecnico: OTTIMO

DINAMICA: 3

EQUILIBRIO TONALE : 5

PALCOSCENICO SONORO: 3

DETTAGLIO: 5

Ogni pubblicazione della Linn viene pensata, realizzata e diffusa per il mondo audiofilo e non solo.

Ultimamente, la componente ‘esoterica’ delle produzioni discografiche Linn non sembra essere all’altezza dell’hi-end degli hardware che costruisce. Anche questa registrazione di Claire Martin sembra navigare in acque lontane da quelle audiofile ‘tout court’. Si tratta, pur sempre, di un album ottimamente prodotto, ben curato, ma dotato di un sound poco realistico e per niente naturale.

La dinamica e il soundstage sono molto buoni, senza dubbio, ma non lasciano trasparire alcunché di vivo o di spumeggiante, che dovrebbe uscire in una registrazione di alta qualità. A rimediare quest’inconveniente ci sono le buone performance di parametri come dettaglio e bilanciamento, che rasentano l’orlo della perfezione, pur senza presentare niente di innovativo di eccitante. Simone Bardazzi

Iscriviti subito per ricevere la newsletter con le ultime novità dall'editore Pierre Bolduc: basta effettuare la registrazione sul sito

Leggi tutti

Hardware

Ancora Hardware

Varie

Musica e dischi

Tutti i video

  • AS Speciale Top Audio AS Speciale Top Audio
  • AS Souvenir Edition Audiophile Sound Souvenir Edition Una lunga intervista con Pierre Bolduc…

Accesso Utente

Utilizzando questo sito si accettano integralmente le norme e le condizioni d'uso in vigore