Direttive europee per la Pivacy Online

Questo sito WEB usa cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzionalità, anche di terze parti. Usufruendo del sito, acconsentite che questo tipo di informazioni vengano raccolte e memorizzate sul vostro dispositivo.

Leggi i riferimenti normativi europei sulla privacy online

Avete rifiutato l'utilizzo dei cookies. La vostra scelta può essere modificata in ogni momento.

Avete acconsentito all'utilizzo di cookies. Potete comunque modificare questa impostazione in ogni momento.

Venerdì, 23 Novembre 2007 11:50

CHRISTIAN MC BRIDE / JAVON JACKSON / JIMMYCOBB / CEDAR WALTON. NEW YORK TIME

Vota questo articolo
(0 Voti)

CHRISTIAN MC BRIDE / JAVON JACKSON / JIMMYCOBB / CEDAR WALTON. NEW YORK TIME.

SACD Chesky SACD-314.

DDD. Stereo. Studio recording. Peter's Episcopal Church, , New York, 31 gennaio 2006.

Prod: David Chesky. Eng: Nicholas Prout. Master: Nicholas Prout.

www.ird.it


giudizio artistico: BUONO

New York Time è il terzo di sette titoli della collana The New York Sessions, pubblicato dall'etichetta di David Chesky. Tale serie si propone di focalizzare l'attenzione sui migliori musicisti jazz della grande mela, registrati nello stile minimalista della Chesky Records. In questo caso ci troviamo di fronte ad un inedito quartetto composto dal contrabbassista Christian McBride, il sassofonista Javon Jackson, il batterista Jimmy Cobb e il celebre pianista Cedar Walton, vecchia conoscenza dei lettori di «Audiophile Sound». L'eccezionalità dell'incontro è data dal confronto fra due giovani jazzisti (McBride, Jackson) e due maestri del genere (Cobb, Walton). In scaletta trovano spazio brani storici quali Naima di John Coltrane e molte composizioni di Walton, riproposte per l'occasione in uno stile moderno e impeccabile, forse soltanto un po' freddo. Chi, fra i nostri lettori, si aspetta un quartetto intenso e ricco di groove, rimarrà profondamente deluso. L'improvvisazione è ridotta all'essenziale e l'interplay fra i quattro musicisti è buono, ma non eccezionale. New York Time è un album piacevole, ma privo di emozioni intense.

Simone Bardazzi


giudizio tecnico: ECCEZIONALE

DINAMICA: 5

EQUILIBRIO TONALE : 5

PALCOSCENICO SONORO: 5

DETTAGLIO: 5

Basta ascoltare il break di batteria che apre la prima traccia di questo album, per rendersi conto dell'eccellente livello tecnico di questa incisione. Sound naturale, realismo dell'ambiente, profondità, dinamica e dettaglio in pochi secondi balzano, infatti, all'orecchie dell'audiofilo più smaliziato. Non ho mai amato le produzioni di David Chesky e di Nicholas Prout dal punto di vista artistico, e spesso ne ho contestato anche alcuni dettagli tecnici. Senza dubbio questo New York Times non mi accompagnerà nei miei test audio e non diverrà uno dei miei riferimenti, ma devo ammettere che si tratta di una registrazione di altissimo livello. Mi piace l'impressione di naturalezza e di realismo che si respira, pur senza trascendere mai nella crudezza che caratterizza certe incisioni della Opus. In singoli strumenti, sempre ben dettagliati e fisicamente presenti nel soundstage, non colpiscono mai l'ascoltatore con un'eccessiva crudezza delle sfumature. Il sound risulta, infatti, sempre vellutato e piacevole, privo di asperità, così come di cedimenti. Il bilanciamento perfetto fra le singole frequenze permette di cogliere intuitivamente e con facilità il ruolo di ogni strumento e di collocarlo nello spazio. Gli assoli emergono con scioltezza e senza fatica, irrobustiti da una notevole spinta dinamica.

Simone Bardazzi

Iscriviti subito per ricevere la newsletter con le ultime novità dall'editore Pierre Bolduc: basta effettuare la registrazione sul sito

Leggi tutti

Hardware

Ancora Hardware

Varie

Musica e dischi

Tutti i video

  • AS Speciale Top Audio AS Speciale Top Audio
  • AS Souvenir Edition Audiophile Sound Souvenir Edition Una lunga intervista con Pierre Bolduc…

Accesso Utente

Utilizzando questo sito si accettano integralmente le norme e le condizioni d'uso in vigore